[REMINDER] Tra i libri degli altri. Il lavoro editoriale fra strategie di mercato e progetto culturale

full name / name of organization: 
Osservatorio sul romanzo contemporaneo- Graduate School in Literary, Linguistic and Philological Studies
contact email: 
trailibrideglialtri@gmail.com

--- English text follows ---
Intellettuale editore, curatore editoriale, consulente, editor: sono molti i nomi con cui viene indicato il ruolo di chi trasforma il manoscritto nel prodotto editoriale vero e proprio, il libro. Questa incertezza terminologica registra i cambiamenti nel lavoro editoriale dal Dopoguerra a oggi e manifesta la permeabilità di un ruolo, quello dell'editor, svolto in tempi e modi diversi da gran parte degli intellettuali italiani del Novecento.
Come ha notato Gian Carlo Ferretti, si tratta di «un lavoro importante quanto oscuro e malpagato» e nella formulazione dei giudizi critici, infatti, occupa ancora uno spazio marginale. L'editor svolge invece un ruolo chiave, ponendosi come cerniera tra microcosmo letterario e mercato, agendo materialmente sulla forma e sul contenuto del testo, cercando di coniugare le diverse forze o istanze (estetiche, politiche, economiche…) sottese al processo di produzione editoriale. Stabilire il punto in cui tali forze s’incontrano è un’operazione che varia di caso in caso: così l'editor può essere un semplice interlocutore dell’artista, un «meccanico» che agisce sui punti ritenuti più deboli del testo, un vero e proprio ghost writer.
La Scuola di dottorato in Studi Letterari, Linguistici e Filologici e l’Osservatorio sul Romanzo Contemporaneo organizzano nei giorni 21, 22 e 23 novembre 2011 il convegno « Tra i libri degli altri. Il lavoro editoriale tra strategie di mercato e progetto culturale », che si propone di mettere in luce il ruolo dell’editor all’interno dell’industria culturale e del processo di produzione del libro. Lo scopo è analizzare come questa figura si sia evoluta negli ultimi cinquant'anni, quali compiti abbia assunto e in che modo la mutata situazione culturale ed economica (avvento dell’«era digitale», concentrazione di mezzi in grandi gruppi, cambiamenti nel sistema di distribuzione e vendita dei libri...) abbia modificato il suo lavoro. Gli interventi, di ogni orientamento metodologico (filologico, critico, sociologico…), della durata massima di 20 minuti, riguarderanno tra l’altro (ma non solo) le seguenti tematiche:

Trasformazione del ruolo professionale: da consulente editoriale a editor

L’editing tra mercato, politica e letteratura

Il curatore editoriale, l’editore, l’agente letterario nella piccola e nella grande editoria

L’intellettuale-editore, lo scrittore-editore (da Cesare Pavese a Helena Janeczek, da Vittorio Sereni a Italo Calvino, da Grazia Cherchi a Nicola Lagioia, eccetera)

Casi emblematici di editing, anche al di fuori dei confini italiani (R.Carver/G.Lish, D.F.Wallace/M.Pietsch, T.S.Eliot/E.Pound, Fenoglio/Mondo, Tondelli/Tagliaferri)

L'editing su rivista

Relazioni tra politiche culturali e industria del libro

Gli interventi migliori, selezionati dal comitato scientifico, saranno pubblicati in volume.
Invitiamo gli interessati a inviarci una proposta di intervento di massimo 300 parole e una breve nota bio-bibliografica, sotto forma di allegato .doc, .rtf o .pdf, entro e non oltre il 4 settembre 2011 all’indirizzo trailibrideglialtri AT gmail.com
=== English Version ===
«Intellettuale editore», «curatore editoriale», «consulente», «editor»: Italian language has various terms to define the role of those who transform the manuscript into the editorial work itself, say the book. This terminological uncertainty actually gives due of the changes in the editorial work by the post-War period to nowadays but also arrays the permeability of the editor task played at different times and at different levels by many of the Italian intellectuals of the Twentieth century. As Gian Carlo Ferretti has noticed “it is an important job as dark as poorly paid” and, in fact, it still occupies a marginal space in the formulation of critical judgments. Conversely, the editor seems to play a key-role bridging the gap between the literary microcosm and the market, acting physically upon the form and the content of the text, trying to combine forces and instances (of aesthetic, politic, economic nature…) to highlight the process of the editorial production. Determining the point where all these forces meet is an issue that varies from case to case: this way, the editor can whether act as a simple artist’s partner or as a “mechanic” who only affects on the weaker points of a text and, then, as a real ghost writer.
The Graduate School of Literary, Linguistic and Philological Studies and The Watchtower for the Contemporary Novel are glad to announce the forthcoming conference Tra i libri degli altri. Il lavoro editoriale tra strategie di mercato e progetto culturale (Among Other People’s Books. The Editorial Work between Marketing Strategies and Cultural Project) which will take place on November 21st, 22nd, and 23rd 2011 at the University of Trento. The symposium aims to explore the role of the editor in the cultural industry and in the process of production of the book in order to analyze how this figure has evolved over the past fifty years, which tasks has assumed and how the changing cultural and economic situations have affected and modified his work (along with the advent of the digital era, the concentration of resources in larger groups, dramatic changes in the distribution and sale system…).
Papers focusing on any methodological guidance (philological, critical, and sociological) of a maximum length of 20 minutes may include (but are not limited to) the following topics:

Progressive transformations of the professional role of the editor within the last fifty years;

Editing between market, politics and literature;

Editors, publishers and literary agents in the small and large publishing houses;

The intellectual-editor

Case-studies of editing, also beyond Italian borders (R. Carver/G. Lish, D. Foster-Wallace/M. Pietsch, T.S. Eliot/E. Pound, G. Fenoglio/Mondo, Tondelli/Tagliaferri)

The editing in the magazines;

Relationship between cultural policies and the book industry.

The Scientific Committee will select the best papers for publication in an edited book
Proposals of up to 300 words along with a brief bio-sketch should be sent not later than September 4th 2011 in a .doc, .rtf or .pdf format to trailibrideglialtri AT gmail.com

cfp categories: 
american
bibliography_and_history_of_the_book
cultural_studies_and_historical_approaches
eighteenth_century
general_announcements
graduate_conferences
humanities_computing_and_the_internet
interdisciplinary
international_conferences
journals_and_collections_of_essays
popular_culture
professional_topics
rhetoric_and_composition
theory
twentieth_century_and_beyond